AL VIA ITALIA LEGNO ENERGIA. LA BIOMASSA LEGNOSA SI CONFERMA LA RISORSA ENERGETICA PIU’ GREEN D’ITALIA

 Ad Arezzo partenza sprint per l’appuntamento leader del 2019 sul comparto

AL VIA ITALIA LEGNO ENERGIA.
LA BIOMASSA LEGNOSA SI CONFERMA LA RISORSA ENERGETICA PIU’ GREEN D’ITALIA

E’ la prima fonte rinnovabile nel nostro Paese e tra le più impiegate nel riscaldamento domestico

Sostenibili, rinnovabili ed economiche. Le biomasse legnose fanno sempre più tendenza e a Italia Legna Energiai più importanti player del settore ne confermano il ruolo strategico per il futuro energetico del nostro Paese. Con questo messaggio ha aperto i battenti oggi la manifestazione leader del 2019 per la filiera energetica “dal bosco al camino”, promossa da Piemmeti Spa (società di Veronafiere, che negli anni pari organizza a Verona Progetto Fuoco, la più importante fiera al mondo nel settore del riscaldamento a biomassa), che proseguirà fino a domenica 24 marzonegli spazi dellao Fiera di Arezzo. A tagliare il nastro, insieme a Ado Rebuli, presidente di Piemmeti Spa, sono stati Marco Remaschi, assessore all’Agricoltura e politiche per la montagna della Regione Toscana, Massimo Guasconi, presidente della Camera di Commercio Arezzo-Siena, Giuseppe Salvini, direttore della Camera di Commercio Arezzo-Siena, Sandra Bianchi, amministratore unico di Arezzo Fiere e Domenico Brugnoni, presidente di AIEL, partner tecnico di Italia Legno Energia.

Una tre giorni, quest’ultima, interamente dedicata alle soluzioni tecnologiche per il riscaldamento e la produzione di energia con le biomasse agro-forestali che già nella giornata inaugurale ha richiamato migliaia di appassionati e addetti ai lavori, forte di una massiccia presenza di aziende italiane e straniere (oltre 180 top brand) e una proposta espositiva completa e di alto profilo, particolarmente attenta alle ultime novità di mercato. Prodotti che si dimostrano sempre più performanti sul fronte della qualità dell’aria e del rendimento termico, senza trascurare l’aspetto puramente estetico e del risparmio. Sempre ricordando che il legno rappresenta la prima fonte di energia rinnovabile in Italia e la seconda fonte di riscaldamento domestico, capace di attirare sempre più consumatori attenti al portafoglio, all’ambiente e al design.

“Partecipare a Italia Legno Energia – dichiara il direttore di Piemmeti Spa, Raul Barbieri –significa valorizzare e promuovere il comparto all’interno dell’unico appuntamento del 2019 ad esso dedicato. Questa edizionesi conferma quindi punto di riferimento per l’intera filiera, grazie alla sua capacità di saper coniugare il business con l’informazione. Se da un lato rappresenta infatti una tappa irrinunciabile per gli operatori e le associazioni di settore, che qui trovano una piattaforma privilegiata per gli affari e per il confronto, dall’altro è un appuntamento molto atteso per i consumatori, perché mette in mostra il meglio della produzione nazionale e internazionale, diffondendo anche le buone pratiche legate all’uso del riscaldamento a legna e pellet”.

Un utilizzo corretto che fa rima con l’uso virtuoso delle biomasse legnose, in tal senso capaci di creare imprese e occupazione,. oltre che stimolare la gestione sostenibile del patrimonio boschivo. Guardando ad esempio alla Toscana, il territorio offre infatti l’opportunità di mettere in pratica un modello di economia circolare, legato alla filiera legno-energia-calore, a vantaggio dell’economia dei piccoli comuni montani e del loro rilancio dal punto di vista turistico. E’ questo in sintesi ciò che emerso dall’odierno convegno di apertura di Italia Legno Energia, organizzato da AIEL, in collaborazione con UNCEM – Unione Nazionale dei Comuni e delle Comunità Montane. Un incontro su “La valorizzazione energetica dei biocombustibili legnosi per lo sviluppo sostenibile delle aree montane”, a cui hanno partecipato, tra gli altri, l’assessore regionale Marco Remaschi, il presidente di UNCEM, Marco Bussone ed il responsabile delle politiche per la Montagna di Anci Toscana e sindaco di San Marcello Piteglio, Luca Marmo, insieme ai sindaci di alcuni comuni montani dell’Appennino che hanno condiviso esperienze concrete di impianti e reti di teleriscaldamento alimentati con biomassa a “km zero”.

Domani, invece, riflettori puntati sulla presentazione della campagna di comunicazione a sostegno del settore del riscaldamento a biomassa con L’Italia che rinnova(12.00-13.00 – saletta workshop).

 

I visitatori professionalipossono preregistrarsi sul sito www.italialegnoenergia.it e ottenere via mail la tessera di ingresso gratuita.

I visitatori privatipossono preregistrarsi sul sito www.italialegnoenergia.it e ottenere il coupon per l’ingresso a prezzo ridotto (5€ anziché 8€)oppure acquistare il biglietto direttamente alle biglietterie della fiera.  Orario 9.30/18.30

 

Per info: www.italialegnoenergia.it

 

Piemmeti spa

Via San Marco 11/c- 35129 Padova

Tel. 049-8753730 – info@piemmetispa.com

 

 

IL MONDO DEL RISCALDAMENTO A LEGNA E PELLET SI INCONTRA A ITALIA LEGNO ENERGIA

Dal 22 al 24 marzo alla Fiera di Arezzo in mostra il meglio della produzione internazionale di stufe, caminetti, caldaie, cucine e barbecue

IL MONDO DEL RISCALDAMENTO A LEGNA E PELLET SI INCONTRA A ITALIA LEGNO ENERGIA

Risparmio, sostenibilità, innovazione e incentivi le parole d’ordine per i consumatori.

Con le associazioni di categoria il puntosulle principali istanze della filiera per favorire il raggiungimento dei nuovi obiettivi europei al 2030 sull’efficienza energetica

Italia Legno Energiascalda i motori. La terza edizione della fiera dedicata alle soluzioni tecnologiche per il riscaldamento e la produzione di energia con le biomasse agroforestali è pronta ad accogliere oltre 180 aziende, che dal22 al 24 marzoanimeranno la Fiera di Arezzocon la più completa proposta espositiva dell’anno.

Dalle macchine e le attrezzature per la produzione e il pretrattamento dei biocombustibili legnosi alle soluzioni tecnologiche più moderne e innovative in fatto di riscaldamento domestico, civile, industriale, Italia Legno Energia èinfatti l’unico appuntamento italiano del 2019, aperto agli operatori e al grande pubblico, che si propone come la più importante piattaforma dedicata al business e alle novità di settore. Ma la tre giorni, organizzata daPiemmeti Spa(la società di Veronafiere che nella città scaligera realizza Progetto Fuoco, il più importante salone mondiale dedicato alle tecnologie per il riscaldamento con le biomasse forestali), sarà anche un’occasione strategica per fare il punto sulle principali istanze della filiera, sullo sfondo della nuova politica energia/clima europea e degli obiettivi dell’Italia per il 2030. Cinque, in particolare, le linee guida messe in campo dalle principali associazione di categoria, AIEL in testa (partner tecnico della fiera): accelerare e sostenere la sostituzione delle vecchie stufe con apparecchi a legna e pellet di ultima generazione ad alto rendimento; promuovere l’uso di combustibili legnosi certificati e di qualità; garantire una periodica manutenzione straordinaria degli apparecchi da parte di operatori professionali; assicurare una corretta installazione attraverso installatori qualificati; promuovere tra i cittadini le buone pratiche nell’utilizzo degli apparecchi a biomasse, compresa la loro manutenzione quotidiana.

“Uno degli obiettivi dichiarati di Italia Legno Energia– spiega il direttore di Piemmeti Spa, Raul Barbieri – è, non a caso, quello didiffondere la conoscenza e i benefici legati all’uso del pellet e della legna per il riscaldamento, che spaziano dall’economicità alla sostenibilità, dall’innovazione agli incentivi legati al Conto Termico.Le biomasse legnose, che oggi rappresentano la prima fontedi energia rinnovabile nel nostro Paese e la seconda fonte di riscaldamento per le famiglie italiane, consentono infatti notevoli risparmi in bolletta e grazie all’avanzamento tecnologico permettono anche di abbattere fino all’80% le emissioni da polveri sottili. Partecipare a Italia Legno Energia significa quindi porre l’accento non solo sulle reali potenzialità del legno come fonte di energia pulita, ma anche sul valore socio-economico di un intero settore che, se sviluppato correttamente e orientato alla filiera corta, potrà contribuire fortemente alla lotta al cambiamento climatico”.   

All’interno dei padiglioni fieristici i visitatori potranno toccare con mano le più avanzate tecnologie e i macchinari più innovativi disponibili oggi sul mercato, grazie alla presenza dei principali costruttori italiani e stranieri schierati in 25mila mq di superficie espositiva complessiva. Porte aperte infine ai numerosi convegni e seminari organizzati in partnership con AIEL (Associazione Italiana Energie Agroforestali) e in collaborazione con ANFUS (Associazione Italiana Fumisti e Spazzacamini) e ASSOCOSMA (Associazione Costruttori Stufe ad Accumulo), per conoscere lo stato dell’arte sull’uso sostenibile di legna, cippato e pellet, sull’efficienza energetica, sugli incentivi per il rinnovamento tecnologico degli impianti e sulle buone pratiche della combustione intelligente (programma su https://italialegnoenergia.it/convegni/). Il tutto ponendo l’accento sulla valorizzazione del patrimonio boschivo attraverso una gestione sostenibile, che rappresenta non solo un decisivo rimedio contro l’abbandono, ma anche un’importante leva per lo sviluppo occupazionale di molte realtà territoriali, che vantano milioni di ettari di boschi e foreste. Basti pensare, ad esempio, alla Toscanache con su una superficie di oltre 1 milione e 150 mila ettari (il 50% del territorio regionale e circa il 10% della superficie boscata italiana) si pone come la regione più forestale d’Italia e, non a caso, come scenario di riferimento per Italia Legno Energia.

I visitatori professionalipossono preregistrarsi sul sito www.italialegnoenergia.it e ottenere via mail la tessera di ingresso gratuita.

I visitatori privatipossono preregistrarsi sul sito www.italialegnoenergia.it e ottenere il coupon per l’ingresso a prezzo ridotto (5€ anziché 8€)oppure acquistare il biglietto direttamente alle biglietterie della fiera.

 

Per info: www.italialegnoenergia.it

 

Piemmeti spa

Via San Marco 11/c- 35129 Padova

Tel. 049-8753730 – info@piemmetispa.com

 

“La valorizzazione energetica dei biocombustibili legnosi per lo sviluppo sostenibile delle aree montane”

Comunicato stampa 14 marzo 2019

“La valorizzazione energetica dei biocombustibili legnosi per lo sviluppo sostenibile delle aree montane”

Evento di apertura di Italia Legno Energia promosso da AIEL in collaborazione con UNCEM

Venerdì 22 marzo ore 10.00
Sala Convegni Italia Legno Energia, Fiera di Arezzo

 

Più della metà del territorio della Toscana è coperto da boschi e foreste: un patrimonio da tutelare e valorizzare ai fini ambientali e produttivi, utilizzando la legna e i suoi derivati come energia rinnovabile alternativa alle fonti fossili, ma anche per incentivare l’economia e l’occupazione delle aree montane. Per questo è importante promuovere l’utilizzo di biomasse di origine forestale da destinare alla produzione di calore, con la conseguente valorizzazione della filiera del cippato, biocombustibile sostenibile di origine locale.

Per sensibilizzare su questi temi i Sindaci dei comuni toscani non metanizzati e situati in aree montuose, AIEL Associazione Italiana Energie Agroforestali e UNCEM Unione Nazionale Comuni Enti Montani propongono venerdì 22 marzo, ore 10, il convegno “La valorizzazione energetica dei biocombustibili legnosi per lo sviluppo sostenibile delle aree montane”. Si tratta dell’evento di apertura di Italia Legno Energia, manifestazione biennale dedicata alla filiera energetica “dal bosco al camino”, promossa da Progetto Furoco e organizzata ad Arezzo dalla società Piemmeti. Al convegno è atteso anche il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo On.le Gian Marco Centinaio. Tra i relatori è confermata la presenza di Marco Bussone Presidente di UNCEM, Marco Remaschi, Assessore Agricoltura e Politiche per la Montagna della Regione Toscana, Domenico Brugnoni e Marino Berton rispettivamente Presidente e Direttore generale di AIEL.

Porteranno inoltre esperienze concrete di impianti e reti di teleriscaldamento alimentati a biomassa
di filiera territoriale i Sindaci di alcuni comuni montani dell’Appennino: Moreno Botti Sindaco di Loro Ciuffenna (AR), Paolo Sottani Sindaco di Greve in Chianti (FI), Massimiliano Sestini Sindaco di Castel Focognano (AR), Marco Baccini Sindaco di Bagno di Romagna (FO-CE). Il programma prevede infine una tavola rotonda con i contributi di Marco Remaschi, Assessore all’Agricoltura e Politiche per la Montagna della Regione Toscana, Marco Bussone Presidente di UNCEM, Fabio Romeo del Ministero dell’Ambiente-Ispra, Raoul Romano del CREA – Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’economia agraria, Luca Marmo Responsabile politiche per la Montagna di Anci Toscana e Sindaco di San Marcello Piteglio. Le conclusioni saranno affidate a Secondo Scanavino Presidente Confederazione Italiana Agricoltori.

La Toscana è la regione più forestale d’Italia con una superficie di oltre 1 milione 150 mila ettari, il 50% del territorio regionale, circa il 10% della superficie boscata italiana. Dei circa 5 milioni di mc di legna prodotti ogni anno se ne utilizza solo il 40% (2 milioni mc circa), il resto va ad incrementare la massa legnosa, la cui crescita annuale è nettamente superiore al prelievo. Proprio per queste caratteristiche, è un territorio che presenta condizioni favorevoli per lo sviluppo di moderni impianti centralizzati automatici a cippato, di piccola e media scala, collegati a reti di teleriscaldamento al servizio di edifici pubblici e privati. Se correttamente progettati e installati, questi impianti presentano alta efficienza ed emissioni sostanzialmente irrilevanti, ma soprattutto, costituiscono la modalità più efficace per valorizzare energeticamente una fonte rinnovabile come la biomassa legnosa in sostituzione dei combustibili fossili, responsabili del cambiamento climatico (impianti che garantiscono emissioni 6 volte inferiori rispetto ad una caldaia a gasolio e 5 volte più basse rispetto ad una a metano).

L’obiettivo del convegno e delle attività di sensibilizzazione e informazione proposte da AIEL e UNCEM è di creare consapevolezza sui benefici socio-economici e ambientali della sostituzione delle fonti fossili con la rinnovabile legno, a partire dagli edifici pubblici.

AIEL è l’associazione delle imprese della filiera legno-energia, con sede legale a Roma e sede operativa a Legnaro (Padova) presso il Campus di Agripolis, che da 15 anni si occupa di promuovere la corretta e sostenibile valorizzazione energetica delle biomasse agroforestali, in particolare i biocombustibili legnosi (www.aiel.cia.it). L’associazione rappresenta circa 500 imprese della filiera, in particolare circa il 70% delle industrie italiane ed europee di costruzione di apparecchi domestici e caldaie (circa 700 M€ di fatturato). Sul fronte dei biocombustibili rappresenta circa 150 produttori di legna e cippato e 60 imprese italiane di produzione e distribuzione di pellet. AIEL ha fondato e gestisce in Italia tre sistemi di certificazione: ENplus (pellet), Biomassplus (legna, cippato e bricchette) e Aria Pulita (stufe, inserti, caldaie domestiche a legna e pellet).

Contact

Ufficio stampa AIEL

 

Raffaela Saccardi

raffaelasaccardi@gmail.com

Mob. 370 3090 789

biomasse termiche

A Italia Legno Energia il punto su novità, turnover tecnologico e sostenibilità

Il made in Italy spopola nel Vecchio Continente. Il 70% degli apparecchi a pellet venduti in Europa sono prodotti nel nostro Paese.

BIOMASSE TERMICHE: UN BUSINESS DA 4 MILIARDI DI EURO ALL’ANNO CON UNA FILIERA CHE SCOMMETTE SUL FUTURO

L’unico appuntamento fieristico italiano di settore del 2019 è in programma dal 22 al 24 marzo alla Fiera di Arezzo. Sarà una tre giorni aperta agli operatori e al grande pubblico con oltre 180 aziende top negli spazi espositivi, tutti sold out.

Ha un giro d’affari annuo di 4 miliardi di euro. Conta 32mila occupati (diretti e indiretti). Produce oltre un terzo di tutta l’energia rinnovabile italiana, vantandone il primato rispetto alle altri fonti green. La filiera delle biomasse termiche mostra i muscoli e si prepara a esibire il meglio in fatto di economicità, sostenibilità, sicurezza e avanzamento tecnologico. Italia Legno Energia, l’unico appuntamento italiano del 2019 dedicato al comparto, è in programma dal 22 al 24 marzo alla Fiera di Arezzo. Una tre giorni, a cadenza biennale aperta agli operatori e al grande pubblico. I protagonisti saranno i migliori produttori nazionali e internazionali di impianti e attrezzature per il riscaldamento a legna e pellet, ma anche le principali associazioni di categoria (AIEL, Anfus e Assocosma). Sarà l’occasione per fare il punto sulle ultime novità e sui temi caldi del settore, a partire dalle certificazioni, dagli incentivi, dall’innovazione e dall’efficienza energetica.

Una manifestazione con un ruolo strategico

“Italia Legno Energia riveste un ruolo strategicospiega Raul Barbieri, direttore di Piemmeti Spa, la società di Veronafiere che organizza la manifestazione aretina. Quest’anno rappresenta l’unica vera piattaforma di incontro in cui si parla del nostro settore. Ma sfrutta anche la grande visibilità che una fiera di questa entità è in grado di attivare, catalizzando un altissimo livello di attenzione sul comparto. Un’occasione decisiva, dunque, anche per diffondere una corretta informazione rispetto agli attacchi che ci inquadrano quasi come unico responsabile dell’emissione di polveri sottili. Ancora oggi, infatti, in pochi sanno che la filiera, più delle altre, si è attivata per il miglioramento della qualità dell’aria, con la produzione di macchine sempre più a migliore rendimento e minori emissioni, favorendo il turnover tecnologico. Ecco perché è importante che questo appuntamento, accanto ai produttori in grado di valorizzare gli aspetti commerciali, veda la partecipazione di tutti gli stakeholder del settore. Sarà il momento per costruire finalmente un piano di comunicazione condiviso a sostegno delle biomasse termiche e per vincere la sfida del futuro energetico del nostro Paese”.

Una vetrina per tutta la filiera produttiva

E a proposito di business, alla manifestazione (25mila mq di superficie espositiva e 1.500 mq di area esterna) saranno schierate oltre 180 aziende in rappresentanza di tutta la filiera produttiva: dalle macchine e attrezzature per il settore agroforestale e per la prima lavorazione del legno (visibili nell’area esterna) alle stufe, ai caminetti, alle cucine e alle caldaie a legna e pellet oltre i prodotti legnosi utilizzati a fini energetici (legna da ardere, pellet e cippato).

L’eccellenza del prodotto italiano

Questi prodotti, registrano un consenso crescente tra i consumatori, grazie ai sempre più elevati livelli prestazionali sul fronte dell’innovazione tecnologica e del design. Non a caso, oggi il 70% degli apparecchi domestici a pellet venduti in Europa sono prodotti nel nostro Paese. E proprio l’eccellenza tricolore insieme ai benefici delle energie prodotte dalla biomassa saranno le colonne portanti di Italia Legno Energia. La terza edizione si conferma un evento imperdibile, soprattutto per l’Italia centrale, assai ricca di aree boschive e dalle importanti prospettive di mercato.

Un hub strategico per una clientela targetizzata

Italia Legno Energia risulta un hub strategico per intercettare il pubblico di riferimento della fiera: agriturismi, imprese agricole, serre e vivai, studi tecnici, progettisti e architetti, installatori e rivenditori. Per loro è in cantiere un’offerta espositiva completa e di alto profilo, a cui farà eco un proposta convegnistica di pari livello, grazie alla partnership tecnica con AIEL (Associazione Italiana Energie Agroforestali), e alla collaborazione con le Associazioni ANFUS E ASSOCOSMA che – assieme – cureranno un nutrito programma di convegni e workshop (https://italialegnoenergia.it/convegni/)

Informazioni utili per i visitatori

I visitatori professionali possono preregistrarsi sul sito www.italialegnoenergia.it e ottenere via mail la tessera di ingresso gratuita. I visitatori privati possono preregistrarsi sul sito www.italialegnoenergia.it e ottenere il coupon per l’ingresso a prezzo ridotto (5€ anziché 8€) oppure acquistare il biglietto direttamente alle biglietterie della fiera.

2. ITALIA LEGNO ENERGIA: DAL 22 AL 24 MARZO 2019 AD AREZZO GLI STATI GENERALI DELLA FILIERA LEGNO-ENERGIA

Comunicato stampa

Presenti le più importanti aziende del settore delle stufe, dei caminetti e delle caldaie a legna e pellet.

ITALIA LEGNO ENERGIA: DAL 22 AL 24 MARZO 2019 AD AREZZO GLI STATI GENERALI DELLA FILIERA LEGNO-ENERGIA

A oltre tre mesi dall’apertura, la 3^ edizione della fiera dedicata al comparto del riscaldamento a legna e pellet è praticamente sold out

Tutto esaurito per l’edizione n.3 di Italia Legno Energia (Fiera di Arezzo, 22 – 24 marzo 2019), la manifestazione di Piemmeti SpA dedicata alle soluzioni tecnologiche per il riscaldamento e la produzione di energia con le biomasse agro-forestali, che ad oltre tre mesi dall’apertura sfiora il sold out di espositori. Presenti tutte le più importanti aziende specializzate in impianti e attrezzature per il riscaldamento a legna e pellet per un evento di settore – l’unico su scala nazionale nel 2019 – che in poco tempo è diventato punto di riferimento negli anni dispari, quando non è in programma la sorella maggiore Progetto Fuoco di Verona.
Un’occasione strategica per valorizzare ulteriormente questa fonte rinnovabile di energia proprio nell’Italia centrale, notoriamente ricca di boschi e foreste.

Stufe, caminetti, caldaie, grandi impianti a biomassa, pellet, cippato, componentistica, accessori e articoli per la fumisteria, con le soluzioni tecnologiche più moderne e innovative per il riscaldamento domestico, civile, industriale e la minicogenerazione: dal bosco al camino, l’intera filiera del legno si dà dunque appuntamento ad Arezzo per una tre giorni aperta agli operatori e al grande pubblico.

“I consumatori finali – spiega Raul Barbieri, direttore di Piemmeti SpA, società partecipata di Veronafiere – sono un target obiettivo di Italia Legno Energia, che punta a diffondere su larga scala le corrette informazioni, le buone pratiche e i vantaggi legati all’uso di questo combustibile naturale in termini di risparmio economico, sicurezza e rispetto per l’ambiente. Allo stesso tempo, intendiamo offrire a tutti gli espositori una grande vetrina promozionale e soprattutto un’autorevole piattaforma di confronto sui temi caldi del settore, mettendo a loro servizio l’esperienza e il know how di Progetto Fuoco”.

Non a caso, accanto agli spazi espositivi e alle dimostrazioni pratiche previste all’interno di una superficie complessiva di 25mila mq, si alterneranno convegni e workshop in partnership con AIEL (Associazione Italiana Energie Agroforestali) per fare il punto su certificazioni, incentivi del Conto Termico, progettazione e informazioni sulla scelta del giusto pellet.

Tra i presenti anche ANFUS, ASSOCOSMA, il Dipartimento TESAF dell’Università di Padova, ENAMA, diversi Centri di Ricerca e Laboratori e le principali riviste di settore italiane e stranieri.

Ulteriore plus della fiera sarà inoltre l’area esterna di 1.500 mq dedicata alla meccanizzazione forestale, alle attrezzature e agli impianti per la trasformazione, il confezionamento e lo stoccaggio del legno in combustibile (legna da ardere, cippato e pellet). Un’esposizione a cielo aperto – organizzata da Piemmeti in collaborazione con Compagnia delle Foreste – sui macchinari più innovativi disponibili oggi sul mercato, dove i visitatori potranno vedere, anche in funzione, decine di macchine tra cippatori professionali e industriali, centri per la produzione di legna da ardere, macchine taglia-spaccalegna, segherie mobili, teleferiche forestali e macchine dedicate all’esbosco del legname.

III° edizione di Italia Legno Energia in sintesi
• Dal 22 al 24 marzo 2019 (orario: 9.30-18.30), Fiera di Arezzo, via Spallanzani 23
• 25.000 mq di superficie espositiva
• 1.500 mq di area esterna
• oltre 200 espositori (146 nel 2017)
• 25.000 visitatori attesi (19.300 visitatori provenienti da tutta Italia nel 2017)
• Associazioni di Settore: AIEL (partner tecnico); ANFUS; ASSOCOSMA

I visitatori professionali possono preregistrarsi sul sito www.italialegnoenergia.it e ottenere via mail la tessera di ingresso gratuita .
I visitatori privati possono preregistrarsi sul sito www.italialegnoenergia.it e ottenere il coupon per l’ingresso a prezzo ridotto (5€ anziché 8€).

Info e programma: www.italialegnoenergia.it

Piemmeti spa
Via San Marco 11/c
35129 Padova
Tel. 049-8753730
info@piemmetispa.com

1. Torna ad Arezzo Italia Legno Energia, la fiera del riscaldamento a legna e pellet

Torna ad Arezzo Italia Legno Energia, la fiera del riscaldamento a legna e pellet

Dal 22 al 24 marzo 2019 ad Arezzo l’unico appuntamento italiano del comparto.

 

Italia Legno Energia, a cadenza biennale, è l’unico appuntamento italiano del 2019 dedicato alla biomassa. Si propone non solo come punto di riferimento per il comparto del riscaldamento a legna e pellet, ma anche come nuovo evento a ciclo completo nel settore, con un’attenzione crescente verso uno dei distretti più significativi dell’economia del territorio.

Italia Legno Energia è organizzata da Piemmeti SpA, società di Veronafiere, che negli anni pari organizza a Verona Progetto Fuoco, la più importante manifestazione al mondo in questo settore.

A riprova della crescita continua di Italia Legno Energia parlano i numeri: una superficie espositiva di 25.000 mq, 186 espositori, 62 dei quali stranieri, 19.500 visitatori provenienti da tutte le Regioni italiane.

Caminetti, stufe, cucine, barbecue; Caldaie e grandi impianti a biomassa; Pellet, cippato e legna da ardere; Macchine per pellet; Fumisteria ed accessori, sono i settori merceologici in mostra nei padiglioni espositivi della Fiera di Arezzo e nelle attigue aree esterne.

Uno degli obiettivi di Italia Legno Energia 2019 è quello di avvicinare i consumatori finali ai benefici della filiera corta e delle energie da biomassa: economicità, sostenibilità, sicurezza e possibilità di accedere agli incentivi del Conto Termico.

Particolarmente sensibili a queste opportunità sono inoltre gli operatori dell’agriturismo, le aziende agricole e le Pubbliche Amministrazioni.

Non è un caso che l’evento si svolga in Toscana che con 1,19 milioni di ettari di boschi e foreste segue di poco la Sardegna (leader nazionale per superficie forestale con 1,24 milioni di ettari) e precede il Piemonte (995.000 ettari).

“Italia Legno Energia è divenuto sin dalla prima edizione riferimento per tutti i protagonisti della filiera dell’energia dal legno” spiega Raul Barbieri, Direttore di Piemmeti spa “Non solo produttori, ma anche installatori rivenditori e progettisti riuniti per diffondere, nell’unico evento di settore 2019 in Italia, le corrette informazioni, i vantaggi e le buone pratiche di un comparto comunque vivace al quale il pubblico si rivolge sempre più con motivata attenzione”.

Sottolinea Ado Rebuli, Presidente di Piemmeti spa “Fattori quali l’economicità, la sostenibilità e non ultimo l’accesso agli incentivi del Conto Termico, offrono una visione del comparto assolutamente positiva e convincente, a cui ora si aggiungono prestazioni eccellenti e design di qualità. Prospettive nuove e vantaggiose -conclude Rebuli-  per un mercato sempre più esigente in termini di risparmio energetico e rispetto per l’ambiente e la persona”.

Grazie alla preziosa partnership scientifica con Aiel (Associazione Italiana Energie Agroforestali), Italia Legno Energia darà inoltre l’opportunità di aggiornarsi su tutti i temi caldi del settore, quali ad esempio le certificazioni, gli incentivi, la progettazione, la scelta del giusto pellet, attraverso un nutrito programma di incontri, convegni e workshop.

Italia Legno Energia è patrocinata da Regione Toscana, Provincia e Comune di Arezzo e dalle Camere di Commercio toscane.

Ogni informazione al sito www.italialegnoenergia.it

  

Info

Piemmeti spa

Via San Marco 11/c

35129 Padova

Tel. 049-8753730

info@piemmetispa.com

 

0. La scheda tecnica di Italia Legno Energia 2019

ITALIA LEGNO ENERGIA 2019

Fiera di Arezzo, 22-24 marzo 2019 – III° edizione

 

SCHEDA TECNICA DELLA MANIFESTAZIONE 

 

DATA DI SVOLGIMENTO: da venerdì 22 a domenica 24 marzo

ORARIO DI APERTURA: dalle 9.30 – 18.30

 

NORME D’INGRESSO:

Costo del biglietto: intero € 8,00 – ridotto € 5,00 – ingresso gratuito fino a 14 anni

Visitatori professionali

Possono preregistrarsi su  WWW.ITALIALEGNOENERGIA.IT ed ottenere via mail la tessera di ingresso gratuita una volta comprovata dall’organizzazione l’effettiva appartenenza al settore.

Visitatori privati

Possono preregistrarsi al’indirizzo WWW.ITALIALEGNOENERGIA.IT ed ottenere il coupon per l’ingresso a prezzo ridotto a € 5,00 oppure coupon invito.

 

PRODUZIONE ESPOSTA:

Macchine ed attrezzature forestali – Macchine ed attrezzature per la lavorazione del legno ai fini energetici – Produzione/Commercio prodotti legnosi ai fini energetici – Produzione/Commercio di stufe-caminetti-forni-barbecue – Produzione/Commercio di termostufe-termocamini – Produzione/Commercio caldaie e tecnologie per l’energia dal legno – Servizi – Stampa tecnica – Enti e Associazioni

 

AREA ESPOSITIVA: interna ed esterna – 25.000 mq

VISITATORI EDIZIONE 2017: 19.300 provenienti da tutte le Regioni Italiane

ESPOSITORI:

186 produttori, importatori, esportatori italiani e stranieri provenienti da Austria, Bosnia Herzegovina, Bulgaria, Canada, Croazia, Egitto, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Lettonia, Lituania, Norvegia, Olanda, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera

PATROCINI:

  • Regione Toscana
  • Comune di Arezzo
  • Provincia di Arezzo
  • Camera di Commercio di Arezzo
  • Camera di Commercio di Firenze
  • Camera di Commercio di Siena
  • Camera di Commercio di Grosseto
  • Camera di Commercio di Lucca
  • Camera di Commercio di Livorno
  • Università di Firenze – iBioNet
  • Dipartimento TESAF – Univ. Padova
  • Confartigianato Imprese Arezzo
  • Confcommercio Arezzo

ASSOCIAZIONI DI SETTORE:

  • AIEL- Associazione Italiana Energie Agroforestali (partner tecnico)
  • ANFUS
  • ASSOCOSMA